CATENELLA E PIPPIOLINI

Le spiegazioni di queste pagine fanno parte del libro

 TOMBOLO E FUSELLI:dai punti base ai vari modi per eseguire gli inizi

 

CATENELLA

La catenella (treccia, cordetta, travetta, trecciolina, liscio) riunisce i due movimenti principali del lavoro al tombolo

"GIRO-INCROCIO".

Per lavorare la catenella preparo due paia di fuselli; punto uno spillo sul tombolo e appendo le paia preparate.

Per eseguire e realizzare la catenella, ripeto continuamente i due movimenti: giro-incrocio (GX GX GX)

La catenella lavorata bene quando piatta; non deve girare su se stessa.

Per arrivare a questo risultato bisogna solo fare pratica, la teoria essenziale ma la pratica indispensabile.

La catenella si pu arricchire con dei pippiolini.

Catenella:  due paia

 

PIPPIOLINI

I pippiolini (picot, gugetta, gugella, fugeletta, lacet) servono come rifinitura del pizzo;

i pippiolini si possono fare sul paio girato, sulla catenella, sui bordi dei pizzi e sono un elemento indispensabile

nel FIANDRA a TRE PAIA, punto tipico della scuola di Gorizia.

Per fare i pippiolini seguite i disegni:

1) prendo con la mano sinistra il paio sul quale devo eseguire il pippiolino e con la mano destra prendo uno spillo

2) con uno spillo tirare su l'anello come la fig. 

3) passare lo spillo tra i due fili e farlo uscire

dall'anello fatto prima come fig. 3-4

4) puntare lo spillo sul tombolo; tirare leggermente i

fuselli per chiudere il pippiolino fig. 5: il fusello sinistro chiude il pippiolino, il fusello destro lo accorcia;

i fuselli hanno la stessa funzione sia a destra che a sinistra.

 

Catenella con pippiolino:  due paia

 

Prima di eseguire il pippiolino:

a sinistra il paio non gira

a destra il paio  gira una volta

 

 

 

E' vietata la riproduzione, se non per usi personali, senza il consenso della proprietaria del sito: 

TOLLOI  GIANFRANCA

 

Copyright   2014

 

Home - E-Mail